Maremmano

Cavallo Maremmano - Fonte immagine wikipedia.org

Cavallo Maremmano – Fonte immagine wikipedia.org

Origini e Curiosità

Il Maremmano è il cavallo autoctono della Maremma, vasta area che si estende in prossimità del litorale tirrenico tra la Toscana meridionale e il Lazio settentrionale. La sua origine potrebbe risalire a quando i celti superarono le Alpi e i loro cavalli germani incontrarono popolazioni equine di sangue orientale e africano che vivevano già sul territorio italiano: incrociandosi, questi cavalli avrebbero prodotto il maremmano. Quasi duemila anni dopo, in epoca rinascimentale,Lorenzo de’ Medici introdusse in Toscana l’incrocio con l’arabo e la razza si divise in due tipologie: quella toscana e quella laziale che era rimasta più simile al tipo iniziale. Nei secoli l’allevamento allo stato brado ha prodotto un cavallo che non ha solo un carattere fiero, energico e generoso, ma è anche molto resistente dal punto di vista fisico. La razza viene utilizzata ancora oggi per rincorrere e marchiare il bestiame, come fanno i butteri. Eppure, senza rinnegare le sue origini rustiche, ultimamente il maremmano viene impiegato con buoni risultati anche nelle discipline sportive, dove compete alla pari con gli altri cavalli italiani.

 

Caratteristiche e Morfologia

Il Maremmano è un cavallo dal temperamento vivace. Come si riconosce: orecchie di media lunghezza, ben diritte e attente; occhi vivaci; testa lunga e abbastanza pesante; arti solidi e con buoni appiombi; piedi ben conformati e ben proporzionati, con unghia molto resistente; garrese robusto, asciutto e abbastanza rilevato. Il mantello può essere baio o baio scuro, morello. Rari il sauro bruciato e il grigio. L’altezza può variare da 1,60 m a 1,70 m. Il particolare: ancora oggi il maremmano nasce e vive allo stato brado: è incredibilmente resistente alla fame, alla sete e alle intemperie.
 
 
 Consulta la sezione del Forum dedicata al Cavallo

Lascia un commento