Bruna Alpina

Bruna Italiana o Alpina

Bruna Italiana o Alpina

Origini e Curiosità

La  Bruna Italiana o Bruna Alpina è una razza bovina originaria della Svizzera, derivata dal Bos taurus brachycerus. Le particolari doti di rusticità, affiancate ad una spiccata attitudine lattifera ne hanno favorito la diffusione in molte regioni dell’Europa e dell’America e la differenziazione di ceppi genetici adattati a specifiche condizioni ambientali. In Italia, l’introduzione della Bruna Alpina ha avuto inizio attorno al 1850 interessando il versante sud dell’arco alpino. In seguito si è diffusa sempre più nella Pianura Padana e, con il progredire dello sviluppo dell’agricoltura nell’Italia centro-meridionale, in tutta la penisola e nelle isole. Spesso è stata impiegata in incroci di sostituzione con razze autoctone. Dopo il 1940, grazie soprattutto all’impiego massiccio della fecondazione artificiale, che rispetto ai ceppi europei presentava una mole maggiore e una maggiore attitudine lattifera. I programmi di selezione hanno drasticamente modificato le caratteristiche di questa razza, rispetto al tipo alpino, perciò si è sostituita l’attuale denominazione, “Bruna”, a quella di “Bruna Alpina” con cui era conosciuta fino al 1981. Nel 1950 contava ben 1.900.000 capi ed era la razza da latte più diffusa in Italia. La Bruna è una razza da latte a tutti gli effetti, con una produzione di latte che, nei tipi di buona genealogia, si attesta sui 6000-9000 kg per lattazione, in media con tenore in proteine del 3,39% e in grasso del 3,95%. Rispetto alla Frisona ha una minore attitudine lattifera ma presenta una maggiore rusticità e, quindi, una migliore capacità di adattamento. Migliore è anche l’attitudine alla produzione della carne, ma con uno standard inferiore rispetto alle razze da carne o a duplice attitudine.

 

Caratteristiche e Morfologia

La Bruna presenta un mantello semplice uniforme bruno, un ossatura media e un musello nero, tollerate macchie ventrali non molto estese che non debordino sui fianchi, altezza al garrese: 140-150 cm maschi, 130-140 cm femmine, il loro peso vivo è 750-900 kg nei maschi, 500-600 kg nelle femmine. La selezione ha come obiettivo la preservazione della doppia attitudine della razza e quindi la produzione di soggetti di buona mole, statura e peso, corretta conformazione, precoci per sviluppo e produttività, fecondi e longevi di buona nevrilità, con attitudine ad elevata e costante produzione di latte ad alto titolo di grasso e proteine e in grado di fornire convenienti produzioni di carne. L’indice per la valutazione economica è ITE (indice totale economico) ed i relativi pesi economici sono:

  •      latte: 50
  •      grasso/kg: 1
  •      proteine/kg: 3
  •      grasso %: 0,1
  •      proteine %: 0,4
  •      morfologia: 0,5

Inoltre se un animale presenta al locus delle k-caseine AB l’indice genetico proteina viene premiato del 2,5%, mentre se presenta BB viene premiato con il 5%.
 

   Consulta la sezione del Forum dedicata ai Bovini

Lascia un commento